Categoria: Sistema bancario italiano

Titoli di Stato. Risk free! …o no?

Il mese scorso su La Repubblica (Affari e Finanza) è comparso un interessante articolo di Maurizio Mazziero intitolato “Con le clausole di azione collettiva a rischio anche titoli di Stato e bond” che sembra essere stato ignorato anche dai più attenti addetti ai lavori. L’autore asserisce che, dopo la nazionalizzazione della banca olandese SNS (e […]

Vai all'articolo

Come scegliere il proprio referente in tema di investimenti?

Nei mesi scorsi avevo lasciato in sospeso un importante argomento sul quale mi ero ripromesso di ritornare sopra successivamente. È venuto il momento: un po’ perché ritengo che al giorno d’oggi nessuno possa scherzare con il proprio denaro e un po’ perché penso sia un argomento di grande interesse per la mia clientela che in questi giorni si sta interrogando proprio su questa questione. L’argomento è: come scegliere il proprio referente in tema di investimenti.

Vai all'articolo

Bancario addio. Benvenuto consulente.

Le banche nazionali si ritrovano con 50 mila persone di troppo che vanno ricollocate in qualche modo nei prossimi anni; questa sovraccapacità produttiva affonda le proprie radici sia nella generale crisi finanziaria iniziata nel 2008 sia nella crescente diffusione dell’home banking. Minore necessità di sportelli e, dunque, di personale. Focus sui cambiamenti in corso nell’organizzazione degli istituti di credito del nostro paese.

Vai all'articolo

Perché occorre investire

Dopo tanti anni di attività nel settore bancario e finanziario posso dire quanto e come siano stati interessati da profondi mutamenti i mercati ed i suoi numerosi attori; uno solo di questi è rimasto pressoché fedele agli schemi ed alla mentalità di un tempo: il risparmiatore. È il solo a non aver mutato approccio, abitudini e conoscenze tecniche in un contesto operativo di grandissima incertezza, non completamente consapevole che quello che è in gioco: la salvaguardia del patrimonio suo e della sua famiglia.

Vai all'articolo